Resoconto Trofeo Gini

il 13 e 14 giugno si è svolto l’ormai classico ed emozionante trofeo Gini.
Oltre alla presenza di 10 star si sono date battaglia 5 Fun della zona Lario.
Considerando le pessime previsioni del tempo, che hanno tenuto lontano gli armatori più allergici all’umidità, la presenza di 5 imbarcazioni FUN va considerata una buona prova di vitalità della classe.
Sabato, grazie anche all’intuito e tempestività del comitato di regata, si sono disputate 3 prove con vento leggero ed un po’ ballerino. Durante le 3 prove le imbarcazioni “Banda bassotti” dell’armatore Lui Lorenzo, “Maria Adele” di Bischi Eugenio e “Dulcis in Fundo” di Marco Redaelli si sono alternate al comando dando vita ad avvincenti e numerosi cambiamenti di posizione. A fine giornata la classifica vedeva in testa Marco Redaelli con 5 punti (1-2-2) seguito da Bischi Eugenio con 6 punti (4-1-1) e da Lorenzo Lui 8 punti (2-3-3). A seguire il neo armatore Carlo Laurini con il “Funkallero” e l’equipaggio Mandellese di Luigi Zucchi con il suo “enfant terrible”.
Un poco d’acqua passeggera ha accompagnato il rientro in porto. Nulla di preoccupante rispetto a quanto ci aspettava il giorno a seguire.
Dopo tanto sforzo, uno splendido buffet offerto dalla famiglia Gini ha messo tutti d’accordo: questa manifestazione è tra le più belle e sentite del circuito Lariano.

La domenica…….. nulla da fare. L’intuito del comitato di regata non è stato sufficiente. Dopo un tentativo, peraltro abbastanza azzardato, di stendere il campo di regata nel solito triangolo Abbadia -Orsa- Meregallo, un minaccioso nuvolone più che nero ha consigliato un rapido rientro, aimè , troppo tardi per evitare una lavata di quelle che si ricordano.
Di nuovo un buffet generoso ed arricchito di abbondate prosecco e birra è venuto in soccorso riscaldando ambiente e corpi e smorzando la delusione di chi sperava in ulteriori prove per ribaltare la classifica.
La calsse FUN ringrazia la lega navale di Mandello per l’organizzazione ed in particolare la famiglia Gini per la straordinaria ospitalità e calorosa accoglienza riservata a tutti i partecipanti.
Essere invitati a questa manifestazione è stato un onore ed un piacere. Non posso che augurare a tutti … all’anno prossimo più numerosi che mai.

Marco Redaelli

 

Share